25.3.09

roberto cavallera / riccardo cavallo: tag (part.)



d'una pittura, improvvisa, enorme, ordita in frasi la frase scorsa al collo, tutti gli sguardi dentro. quella: non ha padre, molte le madri, molti i quadri. sua la brevità trascorsa, andando solleva abbastanza, solleva il tempo, così, con una mano, vive nell’autoreperirsi (muore vergine tiene una verga pulisce le labbra il latte si guarda le cosce (dopo la resa la s'invita a giacere, più in là. munita di fondata sua natura. fra torino e gerusalemme una capatina. dire e ridire: la si vedesse. la treccia oscillava, presa tra un cristare e l'altro (l'altra guardava, guardava tutto, istruita a modo). dolce, amara, nel tao- non a dulcie- si trovano s'inseguono sulla tela